martedì 9 gennaio 2018

INTERVISTA - Giorgio Tirabassi: tra cinema e tv, oggi anche regista


The Tonight Blog Show ha avuto l'onore di fare quattro chiacchiere, per voi, con Giorgio Tirabassi.
Attore dalla carriera decennale, si è sempre diviso tra teatro, cinema e tv.
Un grande nome amatissimo dal pubblico, che da poco è anche regista con la sua opera prima Il grande salto, girato tra Lazio e Abruzzo.
Tirabassi ci attende anche il 14 gennaio su Canale 5, con Liberi Sognatori.
Abbiamo parlato di questo e di tanto altro, con Giorgio: ecco a voi l'intervista... ma prima, vi invitiamo a seguirci anche su Facebook per conoscere tutte le novità!

Giorgio, dopo anni di tv, cinema e teatro, ora anche regista: ne Il grande salto hai diretto te stesso. Com'è andata?
Il bello è che non ho diretto solo me stesso, ma anche il mio amico fraterno Memphis. 
È comunque stato tutto naturale; la parte un po' più tecnicamente complicata è che, recitando anche, non sempre rivedi immediatamente sul monitor per giudicare com'è venuta una scena, ma devi affidarti a dei collaboratori che guardano per te le cose più prettamente tecniche.

Sei tornato a lavorare, dopo tanti anni, in coppia con Ricky Memphis: che sensazione hai provato?
Mi sono divertito, anzi ci siamo divertiti molto! Tutto molto naturale: alcune amicizie, soprattutto quelle maschili, sono legami fortissimi. Anche se non ci si vedeva da tempo, è stato come ritrovare un amico di infanzia, come se ci fossimo lasciati pochi giorni prima.
Dal punto di vista lavorativo, tecnico, era quasi sempre buona la prima (o al massimo la seconda, spesso girata per scrupolo): nessun impaccio, nessun blocco, ma tanto tanto piacere.


sul set de Il grande salto - immagine web


Oltre Il grande salto, c'è un film-tv in uscita: Liberi Sognatori, che vedremo prestissimo su Canale 5. Cosa dobbiamo aspettarci? Interpreti un ruolo similare, nell'intensità, a quello di Paolo Borsellino?
Liberi Sognatori, dove interpreto Libero Grassi, affronta certamente lo stesso tema, anche se parliamo di due persone e personaggi diversi: uno rappresentante dello Stato, l'altro del popolo. Grassi ha avuto il coraggio di mettersi contro un sistema di illegalità: ha difeso la sua azienda, non ha pagato il pizzo e fu uno dei primi a dirlo apertamente. Invito tutti a vedere l'intervista del 1991 realizzata da Santoro a Grassi (qui un estratto), per capire quanto questo uomo fosse illuminato, già molto avanti come pensiero. Come per Borsellino, interpretare un personaggio simile è un'occasione che ti aiuta a crescere.

Giorgio interpreta Libero Grassi - immagine web

Hai interpretato per tanti anni e in due riprese il personaggio che ti ha reso amatissimo presso il grande pubblico: Roberto Ardenzi. Torneresti una terza volta in quei panni? È un personaggio che ha dato tutto o può crescere ancora?
Ciò che è interessante della lunga serialità è questa: può raccotare un personaggio e gli effettivi anni che questo ha vissuto. Si ha la possibilità di utilizzare flashback e di raccontare cose... reali, nel senso di scene del passato che il pubblico -in questo caso quello di Distretto di Polizia- ha già visto di persona.Squadra Mobile, in questo senso, è stato un vero e proprio esperimento: il personaggio di Ardenzi si portava dietro la sua storia, e sua figlia, con un percorso che tutti conoscevano già.
Tuttavia, a meno che non dovessero propormi una storia davvero interessante, non credo ci sia necessità di tornare ancora nei panni di Roberto Ardenzi.


nelle vesti di Roberto Ardenzi - immagine web

Non solo cinema e fiction: sei un musicista e più volte ti abbiamo visto divertire amici e colleghi a suon di schitarrate e stornelli: mai pensato di diventare, un giorno, un vero e proprio cantore romano, sulla scia del compianto Lando Fiorini?
In un certo senso l'ho anche già fatto: ho pubblicato l'album "Romantica", una selezione di brani popolari, poco conosciuti agli stessi romani. Abbiamo una tradizione, un repertorio molto vasto -non come quello napoletano, certo- che ha molto da raccontare. Non posso definirmi cantante, ma sono da sempre interessato all'argomento.
Già ho modo di spaziare su mestieri diversi, in questo campo mi limito a quello che ho fatto e non oserei di più. Ho comunque in corso altri progetti musicali, legati al jazz.


Guardi le serie tv, ad esempio su Netflix? Cosa ti piace?
Sì, praticamente guardo le serie di Netflix e poco altro: le partite di calcio e qualche telegiornale. Mi piacciono le serie americane, inglesi, ma anche quelle italiane (ho visto Gomorra, Suburra...). Ogni settimana ne inizio una nuova. Le serie ormai sono come un romanzo sul comodino: appena terminiamo la lettura si sente già il bisogno di un libro nuovo!

Hai molta gavetta alle spalle, dalla scuola di Proietti fino ai lavori con importanti registi: cosa consiglieresti a chi vuole iniziare questo percorso?
I sogni vanno sempre seguiti. Quando ho iniziato io, erano in molti a dirmi "ma che te metti a fa', er teatro è morto, er cinema è in crisi!", invece non è vero: sono quarant'anni che faccio questo mestiere e il teatro esiste da migliaia di anni.
Ecco, al massimo ti consigliano di lasciar perdere, ma per me se si hanno passione, amore e voglia di fare è una grande cosa: bisogna comunque essere sempre prudenti, ma con il cuore si può andare avanti. Perciò, penso che nessuno dovrebbe consigliare di smettere o di non cominciare.


Ringraziamo Giorgio Tirabassi per la sua disponibilità, ricordandovi di seguirlo il 14 gennaio in prima serata su Canale 5 con Liberi Sognatori e prossimamente al cinema con Il grande salto, storia del giro di boa di due rapinatori sfortunati.

intervista a cura di MikiMoz

30 commenti:

  1. Risposte
    1. Grazie :)
      Giorgio è stato disponibilissimo e gentile! Un grande per davvero!

      Moz-

      Elimina
  2. Sei stato bravo a condensare in poche domande ad affrontare così tanti argomenti. Aggiungo (come dicevamo in pvt) che Tirabassi è uno dei punti di forza di Boris, con il suo personaggio di Glauco!

    Ps Ricky Memphis e Tirabassi qualcuno se li ricorda nel film "il branco"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo! Io li ricordo benissimo, fu prima di Distretto.
      Ora si sono ritrovati, e penso che assieme spaccheranno ancora una volta :)
      Grazie mille!

      Moz-

      Elimina
  3. Ciao Moz,DOMY
    E bravo Miki,esordire in questa nuova veste,intervistando uno dei tuoi idoli,deve essere stato emizionante. Buona la prima! :)*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, è stata una grande occasione!
      Grazie mille :)

      Moz-

      Elimina
  4. Bella intervista, bravo Mikimoz e bravo Tirabassi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo solo Giorgio, davvero disponibilissimo.
      Ora lo attendo domenica e poi al cinema!^^

      Moz-

      Elimina
  5. Un professionista come sempre, tu e il tuo ospite ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio ospite, direi. Lui è uno dei più grandi attori italiani^^

      Moz-

      Elimina
  6. Che bella intervista 😊 complimenti sia a te che a Giorgio Tirabassi. Seguo spesso questo attore nelle fiction!😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille :)
      Non perdere dunque l'appuntamento con Liberi Sognatori, domenica sera :)

      Moz-

      Elimina
  7. Esattamente quello che mi aspetto da un blog del genere, ottimo lavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Kir :)
      Ma ho giocato facile: avevo Tirabassi dall'altra parte!

      Moz-

      Elimina
  8. "se si hanno passione, amore e voglia di fare è una grande cosa: bisogna comunque essere sempre prudenti, ma con il cuore si può andare avanti"
    Frase favolosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, quando me l'ha detta a voce ho pensato che avesse dannatamente ragione!

      Moz-

      Elimina
  9. Ecco... l'intervista che aspettavo!!
    Anche io ammiro tantissimo Tirabassi, come te :)
    Non sapevo di Liberi sognatori, grazie per averlo segnalato così lo vedrò senz'altro il 14.
    Quello che mi piace di Tirabassi è che è bravissimo sia nei ruoli più leggeri che in quelli drammatici e intensi.
    Bella intervista: non potevi iniziare in modo migliore, Miki!!
    Alla prossima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, ho giocato facile, iniziando con un grandissimo nome :)
      Anche io, da sempre, amo Tirabassi e credo sia un grande attore: in America avrebbe fatto serie tipo True Detective, o qualcosa di simile, ne sono certo.

      Moz-

      Elimina
  10. Bravo ottima intervista.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
  11. Mitico Miki-Moz, complimenti e auguri per questo nuovo blog dove sarai protagonista.

    RispondiElimina
  12. Ma questo blog è nuovo? Quando lo hai aperto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È stato aperto ieri, tecnicamente da me che lo gestirò (almeno all'inizio) ma è di una vera e propria redazione (ma l'unico blogger sono io)^^

      Moz-

      Elimina
  13. Bella intervista a un grande attore con domande interessanti.
    Proprio un paio d'ore fa mi hanno fatto vedere una foto ritoccata con lui che lancia un basso 😝
    Non mi è arrivata l'email nonostante abbia iniziato a seguire anche per email e non è neanche finita nello spam... boh?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, hanno tradotto in immagine il suo cognome^^
      Non saprei dirti per la mail... sappi che ogni martedì e giovedì qui siamo attivi^^

      Moz-

      Elimina
  14. Guardo poco la tv ma ricordo un ispettore ardenzi che seguivo con passione .un personaggio carico di umanità e lui un attore molto versatile

    RispondiElimina